Passa al contenuto principale

Salve! Le prove gratute sono disponibili per i piani Standard ed Essentials. Inizia gratuitamente oggi.

IP dedicato o IP condiviso: quale funziona meglio per la tua azienda?

Scopri cos’è un indirizzo IP, qual è il tipo più adatto a te e come ottenerne uno per il tuo sito web.

Nell’indirizzo IP, IP sta per Internet Protocol. Ti viene assegnato dal tuo provider di servizi Internet o ISP. Un indirizzo IP è costituito da una serie di numeri che identificano la connessione Internet in uso.

Ci sarebbe molto da dire sugli indirizzi IP, ma qui limiteremo la discussione a IP dedicati, IP condivisi, hosting di siti web e VPN (Virtual Private Network).

Come funzionano gli indirizzi IP?

Se utilizzi il tuo computer sulla connessione di casa e poi vai da un amico e colleghi il tuo computer al suo Wi-Fi, il tuo indirizzo IP cambierà. Questo perché gli indirizzi IP cambiano in base alla posizione di ciascuna rete.

Proprio come il tuo indirizzo di casa è quello utilizzato per inviare posta, gli indirizzi IP identificano la tua posizione virtuale per visualizzare informazioni specifiche da Internet.

Tipi di indirizzi IP

Gli indirizzi IP rientrano in due categorie principali: IP dei consumatori e IP dei siti web. A seconda che l’indirizzo IP abbia una posizione fissa o meno, avrà un indirizzo IP dinamico o statico.

Indirizzi IP del consumatore

Gli indirizzi IP del consumatore possono essere pubblici o privati, e funzionano in sinergia per mostrare informazioni all’utente. Bisogna specificare che gli indirizzi IP dei consumatori non sono assegnati a tutti i dispositivi, ma solo ai dispositivi connessi a Internet.

IP privato e IP pubblico

Se hai più dispositivi che utilizzano Internet, come il telefono, il computer, il sistema smart home o la smart TV, usi un IP privato per identificare e connettere ciascun dispositivo alla stessa rete o indirizzo IP. Una volta che tutti i dispositivi sono connessi allo stesso indirizzo IP, si collegheranno tra loro, consentendoti di condividere informazioni tra i dispositivi.

Un indirizzo IP privato deve connettersi a un router e modem per accedere a Internet. Una volta che i tuoi dispositivi si connettono a Internet, quell’IP privato è ora connesso a un IP pubblico, che identifica la tua posizione di rete al di fuori di casa tua.

Indirizzi IP del sito web

Proprio come gli IP dei consumatori vengono utilizzati per identificare i dispositivi connessi a Internet, gli IP del sito web vengono utilizzati per identificare i siti web. Gli IP del sito Web sono dedicati o condivisi, a seconda del numero di utenti assegnati allo stesso indirizzo IP.

Inoltre, poiché i siti web sono accessibili al pubblico, indipendentemente dalla necessità di un accesso o di un’iscrizione, sia l’IP condiviso che l’IP dedicato sono considerati IP pubblici.

IP dedicato e IP condiviso

Avere un indirizzo IP dedicato significa disporre di un dominio o sito web ospitato da un indirizzo IP univoco. In alternativa, un indirizzo IP condiviso ospiterà più domini e più siti web.

Pensa a questi due tipi di IP del sito web come negozi fisici. Per l’indirizzo IP dedicato, immagina di aver acquistato un’intera strada per creare il tuo negozio. Poiché possiedi l’intero isolato, avrai esclusivo controllo sul flusso del traffico pedonale intorno al tuo negozio, consentendo alle persone di trovarti abbastanza facilmente.

Un indirizzo IP condiviso sarebbe invece come avere un negozio all’interno di un centro commerciale. Ti troveresti così in uno spazio condiviso con altre aziende, rendendo più difficile per le persone trovarti.

Indirizzi IP dinamici e statici

La differenza principale tra indirizzi IP dinamici e statici è che gli IP dinamici cambiano mentre gli IP statici no.

Un indirizzo IP dinamico è attivo solo per un determinato periodo di tempo. Si trasforma in modo casuale e automatico in un nuovo indirizzo IP ogni volta che riconnetti un dispositivo alla rete. La maggior parte degli IP dei consumatori ha IP dinamici perché sono gratuiti e rendono difficile per gli hacker accedere alla rete domestica.

Un indirizzo IP statico viene assegnato manualmente dall’ISP e non cambierà a meno che non ne venga richiesto uno nuovo. In generale, un IP pubblico sarà un IP statico.

La relazione tra un indirizzo IP, un host web e un server web

Ora che abbiamo visto cos’è un indirizzo IP e i suoi diversi tipi, vediamo come gli utenti interagiscono con il tuo sito web e il rapporto tra il tuo sito web e il suo IP.

Che cos’è l’hosting del sito web?

Per gestire il tuo sito web su Internet, dovrai lavorare con un provider di hosting web. I provider di hosting Web offrono spazio sul proprio server per ospitare l’IP condiviso o dedicato, fornendo al contempo manutenzione, aggiornamenti software e alcune funzionalità di sicurezza.

Approfondiamo un po’ la questione:

  • Hosting del sito web: un servizio che collega il sito a un server, ovvero un’apparecchiatura fisica che si connette a Internet. L’host del sito web non fornisce una connessione Internet, ma una posizione in cui situare il sito dell’utente.
  • Indirizzo IP del sito web: la connessione di rete tra il sito e Internet. L’ISP fornisce al sito web un indirizzo IP in modo che altri utenti possano accedervi da Internet.

Per tornare alla nostra analogia con il negozio fisico, l’host del sito web sarebbe il proprietario della struttura. Indipendentemente dal fatto che tu scelga di creare un negozio in un centro commerciale (IP condiviso) o di occupare un’intera strada (IP dedicato), dovrai recarti da un proprietario (host del sito web) per affittare uno spazio per la tua attività.

Tipi di hosting del sito web

Un indirizzo IP dedicato utilizza l’hosting dedicato, il che significa che se disponi di un sito con un IP dedicato, avrai un punto designato sul server dell’host riservato a te.

Allo stesso modo, un indirizzo IP condiviso utilizza l’hosting condiviso, il che significa che se disponi di un sito web con un IP condiviso, condividi il server dell’host con altri IP.

Alcuni provider di hosting offrono anche l’hosting di server privati virtuali, ovvero hosting VPS. Questa tipologia prevede una macchina virtuale per creare un ambiente digitale su un server fisico. L’hosting VPS può fornire agli utenti IP dedicati qualcosa in più in termini di privacy, risorse e personalizzazione.

Hosting web e server web

È importante notare la differenza tra l’hosting del sito web (hosting IP dedicato e hosting IP condiviso) e il modo in cui gli host web interagiscono con i server:

  • Hosting IP condiviso: quando un sito condivide un indirizzo IP con altri siti su un server condiviso.
  • Server condiviso: quando più IP (dedicati o condivisi) si trovano sulla stessa configurazione del server.
  • Hosting IP dedicato: quando un sito ha il proprio indirizzo IP e un punto privato su un server condiviso.
  • Server dedicato: quando un solo sito ha un indirizzo IP sul proprio server personale.

Quindi, indirizzi IP condivisi o dedicati possono trovarsi sullo stesso server. Tuttavia, solo gli IP dedicati possono trovarsi su un server dedicato.

Se hai una piccola o media impresa, probabilmente non avrai bisogno di un server dedicato per la quantità di traffico web che ricevi. Al contrario, è molto più probabile che le grandi aziende con milioni di utenti e IP dedicati dispongano di un server dedicato.

Quindi, se un provider di web hosting offre un pacchetto con indirizzo IP e server dedicati a un costo aggiuntivo, probabilmente non ne avrai bisogno.

In che modo le persone trovano il tuo sito web

Quando un utente desidera trovare il tuo sito web, non conoscerà immediatamente il tuo indirizzo IP, indipendentemente dal fatto che tu abbia un IP condiviso o dedicato. Inoltre, sarebbe estremamente complicato cercare tutti i siti attraverso una stringa di numeri.

Internet e tutte le altre reti di protocolli Internet utilizzano invece un sistema di nomi di dominio (DNS). Ecco come funziona:

  1. L’utente crea un sito web con un account di hosting web e assegna al proprio sito un nome di dominio.
  2. Il DNS registra il nome di dominio del sito, a cui poi l’ISP assegna un IP condiviso.
  3. Quando qualcuno digita l’URL del tuo sito nella barra degli indirizzi del browser, il DNS traduce il tuo nome di dominio intuitivo nell’IP del tuo sito web, individua il tuo indirizzo IP, quindi connette l’utente al tuo sito.

Che tipo di indirizzo IP dovrebbe avere il mio sito web?

Se possiedi una piccola o media impresa, disporrai di un IP pubblico, in particolare di un indirizzo IP statico pubblico ospitato su un server condiviso. Tuttavia, la scelta di avere un indirizzo IP condiviso o dedicato spetta a te.

I provider di hosting web come GoDaddy, AWS o WordPress inizieranno con un indirizzo IP condiviso che potrai poi trasformare in un indirizzo IP dedicato. Ci sono pro e contro con entrambi i tipi di IP del sito web, ma determinare quello giusto dipende dalle esigenze della tua azienda.

A prescindere dall’indirizzo IP scelto, prima di prendere una decisione, assicurati di considerare i seguenti fattori:

  • Le dimensioni della tua azienda e il numero di dipendenti (soprattutto quelli che lavorano da remoto)
  • Se gestirai o meno i dati dei clienti
  • Se pensi di inviare email di marketing
  • Quanto traffico Internet ti aspetti di ricevere
  • Quanto è consistente il tuo budget per la manutenzione mensile del sito web

Vantaggi degli indirizzi IP dedicati e degli indirizzi IP condivisi

Vantaggi degli IP dedicati

Un IP dedicato è un singolo indirizzo IP in grado di connettere gli utenti direttamente al tuo sito o ai tuoi servizi online. In genere le aziende possono ottenere molta flessibilità grazie a un indirizzo IP dedicato.

In primo luogo, un indirizzo IP dedicato può facilitare l’accesso remoto al tuo sito, consentendo ai dipendenti di modificare, aggiungere o visualizzare file senza restrizioni dall’host del sito. Un IP dedicato consentirà poi ai proprietari di siti web di consentire o limitare l’accesso da altri IP, garantendo che gli IP dei dipendenti non vengano bloccati accidentalmente.

Gli indirizzi IP dedicati possono aiutare il tuo sito web a funzionare più velocemente, il che significa che non devi preoccuparti che un traffico Internet più intenso possa rallentarlo. Neanche gli altri siti web influiranno sulle prestazioni del tuo, pertanto gli utenti potranno accedere in modo immediato e diretto al tuo sito o ai tuoi servizi online.

Disporre di un IP dedicato può anche consentire di aggiungere un protocollo Secure Sockets Layer (SSL) al tuo sito web. Questo certificato digitale permette di autenticare il tuo sito e di crittografare i dati condivisi tra l’utente e il server del tuo host web. In sostanza, consente un accesso sicuro a chiunque visiti il tuo sito e previene il furto di dati proteggendo le informazioni dell’utente, un aspetto fondamentale per i pagamenti online.

Infine, gli indirizzi IP dedicati possono migliorare la consegna delle email, il che è incredibilmente utile per le aziende che inviano comunicazioni di marketing. Con un IP dedicato, i destinatari hanno maggiori probabilità di vedere le email nelle loro caselle di posta perché servizi come Gmail si fidano delle email provenienti da indirizzi IP dedicati. In generale, poiché i servizi email filtrano i messaggi di spam o phishing, è meno probabile che blocchino o segnalino le email provenienti da un indirizzo IP dedicato.

Vantaggi degli IP condivisi

Come abbiamo detto prima, gli IP condivisi vengono forniti con un IP del sito web quando lo configuri per la prima volta con un provider di hosting. Nel complesso, un IP condiviso è rapido da impostare e non richiede una tariffa mensile aggiuntiva.

Anche se non ci sono molti altri vantaggi nell’avere un indirizzo IP condiviso, quello principale è rappresentato dal fatto che gli IP condivisi sono ideali per professionisti e piccole imprese che non si aspettano un traffico Internet molto intenso.

Ad esempio, un IP condiviso può essere ideale se il tuo sito aziendale mostra portfolio, credenziali o post dal tuo blog. Se stai avviando la tua attività e prevedi di creare un negozio online, un indirizzo IP condiviso può aiutarti a risparmiare sui costi mensili del sito web. Potrai poi passare a un IP dedicato se noti un aumento del traffico o necessiti di un sito più rapido.

Sfide degli indirizzi IP dedicati e degli indirizzi IP condivisi

Svantaggi degli IP dedicati

Il problema principale con un indirizzo IP dedicato è il costo, che varia a seconda del provider di hosting. Avere un IP dedicato può richiedere da pochi dollari al mese fino a qualche centinaio.

Inoltre, non avrai per forza bisogno di un IP dedicato per impostare un protocollo SSL. Tuttavia, alcuni provider di hosting richiedono un IP dedicato per installarlo.

Svantaggi degli IP condivisi

Gli indirizzi IP condivisi presentano alcune insidie che causano la diffidenza degli imprenditori.

Innanzitutto, un IP condiviso non sarà veloce come un IP dedicato, quindi l’accesso al tuo sito sarà meno agevole. Inoltre, i dipendenti possono sentirsi frustrati se non possono effettuare aggiornamenti rapidi o accedere rapidamente da remoto al tuo account di hosting da un browser web.

Ricorda poi che non è possibile aggiungere un certificato SSL con un indirizzo IP condiviso, con la conseguenza non potrai sempre garantire un accesso sicuro al tuo sito. Poiché l’IP condiviso non prevede l’opzione SSL, dovrai investire in un’altra forma di cybersicurezza.

Infine, l’ostacolo più importante da sapere sugli IP condivisi è il modo in cui altri siti web possono influire sul funzionamento del tuo.

Anche se un indirizzo IP condiviso è per lo più sicuro, altri utenti possono bloccare l’IP del tuo sito se qualcuno con lo stesso indirizzo IP mostra segni di attività dannose. Alcuni provider di hosting condiviso impediranno inoltre alle persone di accedere al tuo sito web se sospettano che il tuo IP condiviso stia svolgendo attività sospette. Ciò potrebbe accadere se qualcun altro sul tuo IP invia email di spam o minaccia la sicurezza in altro modo.

Probabilmente sei la persona meno minacciosa su Internet e non hai cattive intenzioni, quindi perché il tuo sito dovrebbe essere punito se altre persone sulla stesso IP fanno qualcosa di male? Purtroppo gli IP condivisi funzionano così ed è il motivo per cui molte aziende tendono a preferire gli IP dedicati.

Ho bisogno di un servizio VPN per avere un IP condiviso o dedicato?

Molti pensano che, per avere un IP condiviso o dedicato, hai anche bisogno di una VPN. Diversi fornitori di servizi VPN offriranno parallelamente anche un indirizzo IP dedicato, con la promessa che tale combinazione possa metterti al riparo dagli attacchi informatici.

Purtroppo non è detto che sia così. Inoltre, in realtà non hai bisogno di una VPN per avere un indirizzo IP dedicato o condiviso.

Vediamo quel che una VPN può fare o meno, e se ne ha davvero bisogno.

Quel che le VPN possono fare

Una VPN è un servizio che protegge la connessione Internet quando l’utente e altri utenti interagiscono con il suo sito web. Mantiene il tuo indirizzo IP nascosto al pubblico, hacker inclusi, crittografando i dati tra l’utente e il server VPN. Inoltre, nascondendo il tuo indirizzo IP, puoi indurre altri siti web e servizi a pensare di essere che tu sia altrove.

I servizi VPN possono funzionare sia per un IP condiviso che per un IP dedicato, poiché le VPN di solito dispongono di hosting condiviso sullo stesso server.

A un costo aggiuntivo, i servizi VPN possono offrire una “VPN con IP dedicato” in cui è possibile avere accesso esclusivo al proprio server. Tuttavia, tieni presente che pagheresti per un indirizzo IP dedicato, una VPN e una VPN con IP dedicato, che insieme potrebbero essere costosi. Proprio come potrebbe non essere necessario un hosting dedicato con un server dedicato se hai una piccola o media impresa, potresti non avere bisogno di una VPN con IP dedicato.

Quel che le VPN non possono fare

Sebbene le VPN possano crittografare il tuo indirizzo IP, non possono garantire di proteggere te, il tuo provider di hosting web o i tuoi utenti da hacker, attacchi di phishing o qualsiasi malware hardware-based. Una VPN può crittografare i dati, ma gli hacker si accorgeranno comunque che i tuoi dati sono lì.

Immagina di disporre due vassoi di biscotti su una panca del parco e di coprirne uno con una ciotola opaca. Da lontano, vedrai che qualcuno si ferma davanti al vassoio scoperto per prendere un biscotto. I biscotti scoperti sono facilmente accessibili, ma ciò non significa che l’altro vassoio sia completamente invisibile: del resto, è solo coperto da una ciotola.

Le VPN fondamentalmente funzionano allo stesso modo. Possono nascondere i dati, ma non possono farli scomparire. Se un hacker è abbastanza intelligente o determinato, probabilmente troverà un modo per accedere ai tuoi dati, o peggio, ai dati dei tuoi clienti.

Consenso sulle VPN: me ne serve una?

Se vuoi aumentare la tua privacy online, crittografare i tuoi dati e nascondere il tuo indirizzo IP, una VPN sarà probabilmente utile. Se desideri solo un indirizzo IP dedicato o stai cercando modi per migliorare la velocità e le prestazioni del tuo sito web, allora non è necessaria una VPN.

Tuttavia, se stai cercando di proteggere te e i tuoi utenti dagli attacchi informatici, probabilmente dovresti investire in una VPN e in altre misure di sicurezza per il tuo indirizzo IP condiviso o dedicato.

Si tratta di un aspetto particolarmente importante se lavori attivamente con i dati dei clienti. Devi assolutamente investire in un servizio VPN se accetti pagamenti online, registri le informazioni dei clienti o svolgi qualsiasi altra attività online che coinvolga l’identità dei tuoi clienti.

Indipendentemente dal fatto che tu abbia un indirizzo IP condiviso o dedicato, devi fare del tuo meglio come titolare di impresa per mantenere nascoste le loro informazioni. Ma, come già detto, ciò include la presenza di una VPN e altri modi per garantire la sicurezza online.

Come ottenere un indirizzo IP condiviso o dedicato

Per prima cosa, se hai un sito web attivo, congratulazioni! Hai un IP condiviso. Poiché il tuo sito web ha un dominio live che altre persone possono trovare su Internet, hai automaticamente un indirizzo IP condiviso. Se vuoi conservarlo, non devi fare altro.

Se invece vuoi passare a un indirizzo IP dedicato, hai due opzioni. Puoi chiedere al tuo provider di servizi Internet di configurarne uno o chiedere al tuo provider di hosting web di aggiungerne uno al tuo account. In ogni caso, costerà di più.

Alcuni provider di servizi Internet offrono IP dedicati, ma non tutti. È sicuramente un vantaggio poter chiedere alla società di hosting condiviso del tuo sito di impostare un indirizzo IP dedicato.

Se hai altre domande, i provider di servizi Internet e di hosting avranno un rappresentante del servizio clienti che dovrebbe essere in grado di aiutarti.

Consenso: Indirizzo IP dedicato o indirizzo IP condiviso

Ci sono grandi vantaggi che possono derivare sia da un indirizzo IP dedicato che da un indirizzo IP condiviso.

Gli indirizzi IP dedicati possono migliorare le prestazioni del tuo sito web, l’accessibilità per i dipendenti e i tassi di successo della consegna delle email della tua azienda. Gli indirizzi IP condivisi possono aiutarti a risparmiare sui costi mensili del sito web e possono funzionare senza problemi per professionisti o piccole imprese.

Qualunque sia la tua scelta, valuta le tue esigenze aziendali e contatta i fornitori in merito alle opzioni a disposizione. Poi sarai in grado di prendere una decisione informata su quel che è meglio per te e la tua azienda.

Condividi questo articolo