Passa al contenuto principale

Salve! Le prove gratute sono disponibili per i piani Standard ed Essentials. Inizia gratuitamente oggi.

Esplorare i tipi di API per il successo aziendale

Esistono diversi tipi di API che puoi utilizzare per contribuire al successo della tua azienda. Scopri le numerose API disponibili con questa guida.

Le API sono componenti fondamentali del software che consentono ai dispositivi di comunicare tra le reti. Lo sapevi già, ma potresti non avere familiarità con ogni aspetto delle API. In questo caso, sei nel posto giusto.

Dedicando qualche minuto a conoscere le API e il loro funzionamento in varie circostanze, puoi ampliare i tuoi orizzonti e, in ultima analisi, scoprire nuovi modi per raggiungere il successo aziendale.

Di seguito troverai una descrizione dettagliata dei tipi comuni di API e delle architetture alla base dei loro design. Con queste informazioni, imparerai esattamente come le API stanno aiutando così tante aziende. Ti verrà inoltre data la conoscenza necessaria per aiutarti a sviluppare API o a lavorare su qualsiasi aspetto della tua attività che possa essere supportato dalla tecnologia moderna.

Tipi principali di API

Uno dei modi migliori per iniziare a parlare delle API è illustrare i 4 diversi tipi di API disponibili. Probabilmente, si potrebbero creare più di 4 categorie, ma la stragrande maggioranza delle API rientra sostanzialmente nelle seguenti classificazioni: aperta, partner, composita e interna. Questi sono definite i tipi principali di call API.

Che tu stia sviluppando API per un flusso operativo automatico o creando moduli di iscrizione pop-up (o qualsiasi altra cosa che coinvolga la comunicazione API), scoprirai che uno qualsiasi di questi 4 tipi è fondamentale per lo sviluppo.

Osserviamo ciascuno di essi in modo più dettagliato per vedere cosa emerge.

Aperta o pubblica

Il termine “aperta” in riferimento a un’API è lo stesso di quello utilizzato per descrivere qualsiasi software. Il software aperto è un software in cui il codice è reso disponibile al pubblico e può essere utilizzato o adattato da chiunque.

Pertanto, le API aperte (o pubbliche) sono parti di software che sono già state scritte e chiunque può utilizzarle o adattarle API come ritiene opportuno.

Molte API sono aperte specificamente in modo che applicazioni e strumenti aggiuntivi possano connettersi facilmente con i sistemi esistenti. Ad esempio, Google mantiene un gran numero di API aperte che rendono facile per gli sviluppatori web creare sistemi che si integrano perfettamente con Google Chrome.

Partner

Le API dei partner sono progettate specificamente per la comunicazione tra partner commerciali. Ad esempio, Apple e AT&T potrebbero sviluppare API che aiutano gli iPhone a comunicare con l’infrastruttura di comunicazione di AT&T.

Le API dei partner non devono essere necessariamente di questa dimensione. I partner aziendali possono sviluppare un’API che facilita la comunicazione tra i loro sistemi. Un esempio potrebbero essere le API utilizzate per automatizzare le email tra due organizzazioni.

Inoltre, le API partner possono utilizzare software aperto o chiuso per funzionare, il che significa che potresti avere un’API partner aperta e gratuita.

Le API partner spesso sono utili per le piccole e medie imprese, tanto quanto per le grandi organizzazioni aziendali. È importante ricordarlo. Trascurare questo tipo di API potrebbe limitare l’efficienza con cui sfrutti la tecnologia per la tua azienda.

Composita

Un’API composita combina più API in un unico servizio. In generale, le API effettuano richieste frequenti al fine di facilitare la comunicazione tra i dispositivi. Poiché i dispositivi comuni sono complicati e utilizzano molte API diverse, la somma totale della comunicazione può richiedere un gran numero di interazioni digitali tra i dispositivi per funzionare correttamente.

Le API composite cercano in particolare modi per combinare funzioni API e richieste per rendere la comunicazione più efficiente.

Ad esempio, le API composite possono organizzare la comunicazione per i trigger di automazione delle email. Un’azienda di vendita al dettaglio potrebbe avere email di carrello abbandonato che vengono inviate automaticamente dopo che un carrello risulta non acquistato per un determinato periodo di tempo. Questo sistema richiede più interazioni di comunicazione tra dispositivi utente, server e altro ancora; pertanto, le API composite sono appropriate per consolidare le risorse di comunicazione.

Interna o privata

Le API interne e private sono la stessa cosa. Si tratta di API costruite intorno alla logica interna per un’azienda o un gruppo specifico. Tali API sono ospitate su server interni (di solito) e sono anche sviluppate internamente.

Le API private in genere svolgono funzioni molto specifiche che non hanno utilità in un’altra organizzazione. Ad esempio, una società di logistica potrebbe utilizzare le API per facilitare la comunicazione del magazzino. Possono funzionare su protocolli API di magazzino personalizzati; pertanto, non sarebbero utili a un’altra azienda, anche nello stesso settore.

Il punto principale è che le API interne sono altamente personalizzate.

Confronto delle architetture API

In precedenza, abbiamo parlato dei tipi di API, ma il discorso è molto più complesso. È importante anche comprendere le architetture che influiscono sulla progettazione delle API. Quando si considera quante API esistono, conoscere le architetture più comuni può aiutare a stabilire un ordine di grandezza.

Di seguito sono riportate le 3 architetture API più comuni. Per essere più specifici, non sono necessariamente architetture. In alcuni casi, sono meglio descritte come filosofie di progettazione o paradigmi. Indipendentemente da ciò, spesso svilupperai le tue API in base a uno di questi tre sistemi più grandi.

REST

REST non è un protocollo o uno standard. Si tratta invece di una serie di vincoli applicati a un’architettura API. Sebbene la serie completa di vincoli sia lunga e complicata, alcuni vincoli chiave evidenziano le caratteristiche principali di REST (note anche come RESTful).

  • In primo luogo, un’API REST utilizza HTTP per comunicare attraverso una struttura che ha client, server e risorse.
  • In secondo luogo, REST non consente alle API di archiviare le informazioni tra le richieste. Questa è nota come comunicazione “stateless”.
  • In terzo luogo, le API REST utilizzano dati memorizzabili nella cache, che aiutano a migliorare l’efficienza client-server.
  • Infine, REST richiede che qualsiasi interfaccia tra i componenti di un sistema sia uniforme. C’è un elenco completo di vincoli intorno a questa generalizzazione specifica, ma il punto è che tutte le interfacce REST sono coerenti.

REST è una filosofia di progettazione API comune perché questi vincoli rendono lo sviluppo e l’integrazione più semplici e affidabili.

RPC

Il Remote Procedure Call (RPC) è un approccio semplificato all’interazione API. Viene utilizzato per creare API Web in grado di comunicare tramite HTTP o AMQP.

RPC è un paradigma più vecchio per lo sviluppo di API. Pertanto, è piuttosto semplice e, quando la semplicità è sufficiente, rende le interazioni API veloci, facili e affidabili.

La funzionalità identificativa di RPC l’inserimento dei metodo API nell’URL. Gli argomenti vengono lasciati nel corpo. Di conseguenza, il client esegue la stragrande maggioranza delle operazioni API.

SOAP

L’RPC è stato implementato in diverse architetture, la più importante delle quali è il protocollo SOAP (simple object access protocol). Le API SOAP sono basate virtualmente su XML e questo include alcuni pro e contro.

Sul lato positivo, SOAP è indipendente dal linguaggio, quindi funziona allo stesso modo tra i linguaggi di programmazione. È anche indipendente dal trasporto, dalla piattaforma e adatto per la gestione integrata degli errori.

D’altro canto, SOAP non è l’architettura più veloce. Il SOAP si presta a operazioni di superficie esplicite, che sono efficaci per la coerenza, ma rallentano la comunicazione intensa in contesti moderni.

Vantaggi dell’uso delle API

Ora che conosci alcune API e le loro architetture, è più facile capire come possono avvantaggiare la tua azienda.

Quando sviluppi le tue API, puoi semplificare gli strumenti di automazione. Puoi creare un software che consenta agli strumenti di comunicare tra loro e, con l’uso di API private, puoi personalizzare il software come ritieni necessario.

Con una mentalità simile, puoi sfruttare lo sviluppo di API aperte per aiutare i tuoi sistemi a integrarsi con applicazioni di terze parti. Puoi anche lasciare la porta aperta agli sviluppatori di terze parti per creare API per strumenti che funzionano bene con la tua azienda.

Altri vantaggi dell’utilizzo delle API includono la raccolta, l’aggregazione e la segmentazione dei dati e il miglioramento della comunicazione, ad esempio attraverso la pubblicazione sui social media.

Hai infinite opzioni quando impari a sfruttare le API per gli obiettivi della tua azienda.

Come scegliere le API per la tua azienda

È una questione importante. Hai molte opzioni, ma come fai a scegliere quella giusta?

Nella maggior parte dei casi, le esigenze che guidano lo sviluppo delle API influenzeranno la tua decisione finale. Qual è lo scopo dell’API? Cosa dovrebbe realizzare? Se deve funzionare in un ambiente altamente personalizzato, allora sarà un’API privata per necessità. Se hai bisogno che sia accessibile da sviluppatori di terze parti, probabilmente renderla aperta.

Poniti le domande chiave. Cosa vuoi dall’API? Come puoi raggiungere i tuoi obiettivi? Una volta trovate le risposte, saprai quale direzione devi prendere e il tuo sviluppo API progredirà naturalmente.

Implementare le API nella tua azienda

Con uno visione più chare delle API, dei loro tipi e delle architetture comuni, sei pronto ad approfondirle. Puoi cercare alcuni strumenti di sviluppo che ti aiutino a produrre API migliori con investimenti minimi di tempo e fatica.

Per questi strumenti, basta ricorrere a Mailchimp. Anche se il tuo obiettivo è semplice come creare la tua mailing list e automatizzare i messaggi transazionali, Mailchimp è pronta ad aiutarti.

Condividi questo articolo