Targeting 101: Guida alla segmentazione per principianti

Scopri 4 idee sbagliate piuttosto comuni su tag e segmenti e vedi come iniziare a utilizzarli per un marketing più intelligente.

Illustration of a guy getting a piece of bread

Se hai finora evitato la segmentazione, lasciandola tra le cose da fare eventualmente in futuro, non sei sicuramente l’unico. Spesso sentiamo dire dai clienti che la segmentazione è il settore in cui hanno maggior bisogno di aiuto.

La buona notizia è che la cosa più difficile della “segmentazione” è il termine stesso. Dopotutto, un segmento è solo un filtro, che ti aiuta a trovare dei contatti all'interno del tuo pubblico con caratteristiche condivise e lavoriamo per realizzare strumenti utili a semplificarne ulteriormente l'utilizzo.

Ecco alcuni motivi chiave per provare a segmentare la tua prossima campagna:

  • I tag hanno reso la segmentazione ancora più semplice. Sì, i tag sono intuitivi come sembrano e, ancora meglio, una volta che si utilizzano, già vengono creati dei segmenti (diremo di più in merito tra un minuto).

  • La nuova audience dashboard ha reso la segmentazione ancora più preziosa. Quando tieni tutti i dati di contatto in un unico segmento e in un pubblico centrale, la audience dashboard può fornirti una comprensione globale della composizione del tuo pubblico e può aiutarti a individuare facilmente i segmenti ai quali inviare messaggi mirati.

  • Ora avrai accesso a un numero ancora maggiore di segmenti predefiniti. Continua a leggere per scoprire cosa sono e dove trovarli.

In realtà, gran parte della confusione e dell'esitazione di cui sentiamo parlare, per quanto riguarda la segmentazione, si basa su idee sbagliate. Esaminiamo quindi alcuni dei concetti errati più comuni al riguardo e il motivo per cui questo è il momento migliore per smettere di evitare la segmentazione e per iniziare a vedere risultati migliori.

“Sono davvero convinta del fatto che la segmentazione ci aiuti a prevenire le disiscrizioni perché le persone non sono più subissate dalle mail”.

Concetto errato Nr. 1: Con la segmentazione occorre iniziare da zero.

Verità: Se hai un pubblico in Mailchimp, hai già dei segmenti.

Semplicemente portando i dati dei tuoi contatti in Mailchimp, otterrai l'accesso a dei segmenti predefiniti o a dei filtri pronti, che ti aiuteranno a comprendere (e utilizzare) degli schemi nei tuoi dati. La audience dashboard è un ottimo punto di partenza per iniziare a suddividere visivamente questi segmenti e per poi utilizzarli in modo mirato in una campagna con pochi semplici clic. Qui troverai:

  • Segmenti basati sulle prime posizioni. Visualizza i segmenti dei tuoi contatti in base alla loro posizione. C'è una nuova città a cui magari provare a inviare una campagna mirata o una potenziale nuova posizione per un negozio pop-up?

  • Segmenti basati sul coinvolgimento di email marketing. Dopo aver inviato alcune mail, potrai visualizzare e scegliere in modo mirato i segmenti del tuo pubblico in base al fatto che si lascino coinvolgere dalle campagne "spesso", "qualche volta" o "raramente".

  • Segmenti basati sulle fonti di crescita recente. Visualizza un riepilogo della provenienza dei nuovi contatti. Ad esempio, è possibile visualizzare un segmento di iscritti recenti provenienti da una specifica pagina di destinazione e provare a inviare loro una campagna con un messaggio simile.

Illustration of the recent growth module within the audience dashboardIllustration of the recent growth module within the audience dashboard

Concetto errato Nr. 2: I tag possono essere utilizzati solo per l'organizzazione.

Verità: Se etichetti i tuoi contatti con dei tag, potrai inviarli proprio come fossero segmenti.

I tag sono etichette personalizzabili, che è possibile creare e assegnare ai contatti per annotare tutto ciò che ti occorre. Non solo sono ideali per l'organizzazione interna, ma funzionano anche come segmenti. Ciò significa che:

  • Puoi inviare campagne mirate a dei tag. Supponiamo di aver taggato dei contatti incontrati in occasione di un evento recente. Filtrando il tuo pubblico in base a quel tag, avrai immediatamente un segmento da raggiungere con una mail di follow-up, ringraziandoli per il tempo dedicato e permettendo loro di ottenere informazioni su un maggior numero di eventi futuri.

  • È inoltre possibile automatizzare le campagne mirate in base ai tag. Con le automazioni attivate dai tag, è possibile creare facilmente dei follow-up mirati a segmenti specifici. Potresti aver preparato un'ottima mail sui tuoi prodotti per l’outdoor: perché non attivarla automaticamente e inviarla a qualsiasi contatto che taggherai come "adora gli sport outdoor"?

Gif showing selecting a tag to send toGif showing selecting a tag to send to

Concetto errato Nr. 3: I segmenti servono solo per le mail.

Verità: Puoi mirare ai segmenti attraverso vari canali, il tutto da Mailchimp.

Tutte le informazioni sui tuoi contatti in Mailchimp possono essere filtrate e puoi sceglierle in modo mirato, comprese le persone che non sono coinvolte da un po' o che non si sono ancora iscritte per ricevere le tue mail. I nuovi canali di Mailchimp facilitano l'utilizzo mirato di questi segmenti. Ad esempio, potrai:

  • Inviare una cartolina per connetterti con i contatti in un modo nuovo. Potresti avere un segmento di clientela, che ha acquistato dal tuo negozio, ma non si è iscritta ai tuoi canali online. Una nota personale di ringraziamento tramite posta, con un codice promozionale per l'acquisto online, potrebbe aiutarli a connettersi ancora di più con il tuo marchio.

  • Invia un annuncio mirato a persone che acquistano da te solo stagionalmente. Diciamo che il tuo negozio online vende cappotti. Alcuni dei tuoi contatti potrebbero non essere interessati a ricevere le tue mail di marketing tutto l'anno (comprensibile), ma sarebbero molto interessati a un annuncio tempestivo nel loro social feed all'inizio di settembre (in particolare uno che contenga un codice promozionale). Inviare una campagna pubblicitaria mirata a un segmento in base al suo comportamento di acquisto può rendere le cose più semplici.

Tutte le informazioni sui tuoi contatti in Mailchimp possono essere filtrate e puoi sceglierle in modo mirato, comprese le persone che non sono coinvolte da un po' o che non si sono ancora iscritte per ricevere le tue mail.

Concetto errato Nr. 4: La segmentazione è riservata solo ai clienti più avanzati.

Verità: L'invio ad alcuni segmenti è ancora più semplice dell'invio di una mail di massa.

Spesso si sente dire questo: "So che devo creare dei segmenti, ma non ho avuto il tempo di capire qual è il modo giusto per farlo." In realtà, con gli strumenti visivi e le scorciatoie ai segmenti presenti nella audience dashboard, una segmentazione efficace non richiede molta preparazione o lavoro preliminare. Ed è importante tenere presente che:

  • Segmentare le campagne fa spesso risparmiare tempo perché si sa cosa dire. Grazie a una migliore conoscenza delle persone a cui stai parlando, i messaggi possono essere più brevi e più mirati a ciò che questo segmento di pubblico ha bisogno di sentirsi dire.

  • Imparerai cammin facendo. Inviando messaggi più mirati a segmenti più piccoli, imparerai dal modo in cui questi contatti interagiscono con le campagne (in particolare dato che i clienti sono più propensi a interagire con le campagne quando sono mirate a dei segmenti specifici).

Illustration showing 2 separate campaigns sending to different tagsIllustration showing 2 separate campaigns sending to different tags

Oggi, il marketing personalizzato va ben oltre l'aggiunta di merge tag alle tue mail: significa avere una comprensione più chiara delle esigenze dei tuoi contatti, in modo da poter inviare loro i messaggi che contano senza doverli travolgere con messaggi a cui non sono interessati.

Con la segmentazione e il targeting, non solo potrai vedere delle performance migliori delle singole campagne e ridurre il rischio che i contatti si oppongano al tuo marketing, ma potrai anche iniziare a stabilire e a costruire relazioni più solide con i clienti, creando punti di contatto significativi con il tuo marchio. E soprattutto, grazie all'accesso alla audience dashboard, iniziare non è mai stato così facile.

Condividi questo articolo